Inaugurazione collana “I quaderni delle Ninfe”: il sacro al femminile in Sicilia

Verrà presentata sabato 18 dicembre, alle ore 16.30 a Palermo, al circolo Arci Tavola Tonda (Cantieri culturali alla Zisa) una collana dedicata al sacro al femminile in Sicilia: “I quaderni delle Ninfe”.
Il primo volume della collana raccoglie gli interventi tenuti durante l’omonimo incontro di studio: “Il Sacro al femminile. Figure e forme rituali in area mediterranea fra memoria e contemporaneità”.
Il volume, curato da Barbara Crescimanno e pubblicato dalla casa editrice Istituto Poligrafico Europeo in collaborazione con Arci Tavola Tonda, raccoglie i saggi della stessa Barbara Crescimanno, di Sergio Bonanzinga, Ignazio E. Buttitta, Cassandra Funsten, Giuseppe Giacobello, Pier Luigi Josè Mannella e Gioele Zisa.

Il libro:
Dalla documentazione archeologica riguardante musica e danza in Sicilia emerge una cultura profondamente intrecciata con le trame del femminile, legata alle Ninfe: figure storico/mitologiche comuni a tutto il Mediterraneo fin dal Paleolitico e di cui rimangono tracce – rifunzionalizzate – fino ad oggi.
Il termine “ninfa” raccoglie in un insieme simbolico diversi aspetti della natura e competenze eterogenee: identificate come erboriste, apicultrici, levatrici, balie, sacerdotesse di riti muliebri (menarca, gravidanza, parto), profetesse, le Ninfe amministrano culti iniziatici connessi alle dee di cui costituiscono il corteggio (Demetra, Persefone, Artemide, Atena…). Le ritroviamo in età medievale e moderna, trasformate nelle figure di donni di fora, magare, munaceddi o in specifiche Sante e Madonne, patrone e protettrici di boschi, sorgenti, grotte: i santuari delle precedenti divinità.
Le autrici e gli autori di questo volume, inaugurando una collana dedicata al Sacro al femminile in Sicilia, ne mostrano le tracce nascoste in filigrana tra le righe della narrazione ufficiale, con l’intento di divulgare strumenti di ricerca utili alla trasformazione del paradigma culturale attuale.

La curatrice:
Barbara Crescimanno (1972), ricercatrice indipendente. Coordinatrice del gruppo di ricerca antropologica ed etnocoreutica TrizziRiDonna, all’interno del quale opera come cantante, percussionista, danzatrice. Collabora con la Cattedra di Etnomusicologia dell’Università di Palermo. Conduce il corso di Danze tradizionali presso la Scuola popolare di Danza e Musica di Arci Tavola Tonda, dove coordina didatticamente diversi progetti di ricerca e formazione: Ninfe di Sicilia; Chorós. Danze, voci e ritmi del Sud Italia; Ninfe, Menadi, Baccanti. Voci e ritmi al femminile nel Mediterraneo.